Cerchi l'alloggio

Formato: 2019-12-10
Formato: 2019-12-10

Le nostre informazioni

Orario di lavoro
Lunedi- Domenica
08:00 h -21:00 h
Indirizzo
Podvrtaje 65
22 243 Murter/Croazia
Coordinate GPS:
Latitude:43.809045
Longitude:15.594531

Contatto

T: + 385 (0)22 436 544
F: + 385 (0)22 436 545
E: josip@murter-kornati.com
W: www.murter-kornati.com

Storia dell'isola Murter e isole Incoronate

La storia di Murter e Kornati non è la storia di eventi fatali, regnanti famosi, conquistatori coraggiosi, grandi pittori, la storia di cui potete leggere nei libri di scuola o ammirarla nei musei. È la storia scritta per chilometri di muri a secco sui pascoli di Kornati, oliveti e vigneti che nascono in mezzo di nulla sottrati a petraia. La storia dei muli, delle barche perfettamente formate, case di pietra, e stradicciole. Quando fate una gita per l’isola di Murter e le Kornati cominciate a rendersi conto che da quei muri parlano migliaia di destini umani. Raccontano la storia del piccolo uomo e dei suoi sforzi per far possibile la vita in quel paesaggio ruvido. Cantano l’ode all’ostinatezza e volontà umana.

Sulla storia di Murter e Kornati potete sapere di più su queste pagine mediante alcune storie interessanti o tramite alcuni eventi principali presentati cronologicamente. Il fonte principale è “Breviario insulare murterino” di Stanko Ferić, pubblicato in collaborazione con il Parco nazionale Kornati. Il libro si può comprare in ogni migliore agenzia turistica.


 

Colentum

L’antica città di Colentum, i resti del quale, già in buona parte coperti dal mare giacono ai piedi  del monte Gradina, sulla parte settentrionale dell’insenatura Hramina, aveva vissuto la sua floridezza probabilmente ai tempi di regno dei imperatori romani Nerone (37. – 68.) e Vespasiano (9. – 79.) i soldi dei quali sono stati trovati durante le prime ricerche archeologiche condotte dal 1907. al 1909. La città aveva una tipica architettura antica, case a piano, cisterne per l’acqua, terme e strade strette lastricate con le lastre di pietra molto simili alle strade odierni nelle vecchie parti delle città dalmate, e anche nella vecchia parte di Murter.
Si suppone che all’inizio del 2° secolo la città di Colentum sia stata distrutta e derubata dai corsari, ma ci sono anche le indizioni che è stata distrutta da un terremoto. Una parte delle rovine vicino alla costa era ricostruita, ma Colentum non ha mai più restituito il suo splendore iniziale. Alcuni degli oggetti perservati si possono vedere nell’ambito della mostra “Murter in luce delle più recenti ricerche archeologiche” nella biblioteca a Murter.

 

Cosa significa il nome dell’isola di Murter

Gli scienziati cercano di scoprire già da secoli cosa significa il nome dell’isola e del paese Murter. La teoria, che il nome abbia a fare con la morte, è stata prevalente un lungo tempo, però nel tempo recente, gli esperti tendono all’opinione che il nome Murter possa essere spiegato per via dell’antico scafo in pietra, che faceva parte del mulino a olio, e si chiamava mortarium. Del resto, Murter viene menzionato durante gli anni sotto diversi nomi, per il primo Colentum, poi Srimač, poi Mortar, Mortura, Mortaro, Morter, e alla fine Murter.

 

Gaieta di Murter

Poche sono le barche che hanno con tale successo vissuto e sopravissuto l’era di costruzioni di navi di plastica come la legendaria gaieta di Murter. Adattata ai bisogni degli abitanti della isola di Murter e ai viaggi difficili fino ai loro terreni oltremarini sulle isole di Kornati, quella barca eccele di secolare durata e navigazione sicura persino quando altri si rifugiano al riparo. Dapprima le gaiete erano mosse con le vela e i remi. Avevano il ponte completamente chiuso, e a metà lunghezza avevano un’apertura grande con un coperchio ed aperture più piccole sulla prua e sulla poppa per la discesa nella sottocoperta. Le gaiete avevano l’albero inclinato verso la poppa e una vela triangolare. Aparte delle gaiete di Murter, sono note quelle di Komića, Lopud e Korčula.

 

Chi sono i “Kurnatari”?

Quando si dice Kurnatari si pensa agli abitanti di Murter, il villaggio più grande e più antico sull’isola di Murter, cioé i proprietari di quasi tutte le isole Kornati nel parco nazionale “Kornati” e al di fuori. I Morterani sono arrivati sulle isole Kornati nel XVII secolo, quando, a causa delle invasioni turche, non potevano raggiungere i loro campi di terraferma. Alla metà del XIX secolo i Morterani (come anche gli abitanti di Betina e Zaglav sul Dugi Otok) cominciarono a comprare le isole Kornati e nel 1896 diventarono i loro proprietari unici. A causa delle proprietà insulari, gli agricoltori di Murter sono diventati naviganti, pescatori e costrutori navali.

 

Kornati – vita e morte

Kornati per parechi secoli erano per gli abitanti di Murter questione di vita o di morte. Negli anni difficili di povertà e fame, nei tempi nei qualli a causa della guerra non potevano raggiungere i terreni sulla terraferma, i Kornati gli garantivano l’esistenza. Però Kornati anche hanno preso il suo tributo. La distanza fino alle Kornati si poteva superare principalmente con la forza dei propri muscoli. Lunghi viaggi difficili, tempo brutto, povertà e il remare faticoso distruggeva la salute dei Kurnatari. La vita dei Kurnatari era per causa delle Kornati, che la facevano possibile, difficile e corta. Esiste, però, l’altra parte della storia della vita sulle Kornati. I pastori delle Kornati che curavano le pecore e raramente andavano a Murter, vivevano a lungo. È stata notata la leggenda del pastore Mate Didov, che era morto in tarda vecchiaia di persino 150 anni.

 

Cappelle votive

Cappelle votive, queste deliziose chiesete dedicate alla preghiera rivolta a Dio e ai santi, vengono costruite, già per più di 6 secoli, presso le vie, ai incroci e sui promontori costieri ed insulari, dai pescatori e lavoratori agricoli per ricordare momenti memorabili della loro vita, per chiedere grazia Divina, aiuto e protezione della salute e della famiglia. La maggioranza delle cappelle sono dedicate alla Madonna (77), e qualcosa di meno a Sant’Antonio, prottetore dei pescatori e San Nicola, prottetore dei viaggiatori e dei marinai. Ci sono numerevoli cappelle sulle isole dell’arcipelago murterino e quello delle Kornati. È possibile vederle sulle isole Kornat, Žut, Sit, Gangarol...


 

La storia di Murter

1° secolo – A pià del monte Gradina i romani hanno costruito la città di Colentum. La menziona Plinius nel suo terzo libro Historia Naturalis
9° secolo – Durante la grande trasmigrazione dei popoli un gruppo dei slavi ha passato all’isola
1298. – Il villaggio di Murter viene menzionato come Villa Magna, un villaggio con 36 case e 203 abitanti che hanno già la loro parrocchia
1412. – La chiesa parrocchiale di San Michele è costruita in onore del protettore della parrocchia
1688. – Viene costruita la chiesa della Madonna di Gradina, però la Cofraternità di Madonna esiste prima del 1480.
1760. – Viene costruita la chiesa di San Rocco in segno della gratitudine al protettore contro la peste
1774. – Abate Fortis in “Viaggio in Dalmazia” porta una canzone di Divnić In onore della città di Šibenik” nella quale si trova il distico che loda il vino dell’isola Srimač
fine del ‘700 – Per Murter si comincia ad usare i nomi italiani Mortar, Murtar, Murter
1866. – Sotto l’influsso del Risorgimento in Croazia a Murter viene fondata la sala popolare di lettura
1910. – È costruito un moderno oleficio e si produce olio d’oliva di grande qualità
1913. – Sulla grande mostra internazionale di olio in Francia a Eix i Morterini hanno vinto medaglia d’oro per la qualità di olio
l’inizio del ‘900 – Si sta sviluppando il turismo sull’isola di Murter


La storia delle Kornati

1° secolo – Lo scrittore della prima opera enciclopedica nella cultura europea, Plinije Vecchio (23. – 79.) scrive di Kornati come Crateae
6° secolo – L’imperatore bizantino Giustiniano costruisce sull’isola Kornat una fortezza sopra il campo Tarac
1311. – Per le Kornati si usa il nome Encoronata dal quale è probabilmente creato il nome d’oggi – Kornati
1354.Kornat è ricordato sotto il nome Insula Sancta Mariae
1515.Kornat è per la prima volta registrato sotto il nome croato – Stomorin otok
Il ‘500 – Sulle rovine della chiesa anticocristiana nel Tarac sull’isola Kornat è costruita la chiesa della Madonna che oggi si chiama la chiesa della Madonna del Tarco – la Regina del mare
Dal ‘200 al ‘700Kornati portano nomi diversi come: Kornat, Corona e Coronata
1627.–1859. – Cambiano i fittavoli e proprietari delle isole
1859.-1890. – I coloni dall’isola di Murter ottengono la libertà e comprano le isole di Kornati
1980. – Proclamato il Parco nazionale “Kornati” che allora comprendeva anche Telašćica sul Dugi Otok

Keramika iz rimskog naselja Colentum - Murter
Pogled kroz prozor crkve Sv Rok u Murteru
Stara karta područja Otoka Murtera
Ulica Dolac najstarija ulica u Murteru na Otoku Murter
Ostaci metala iz rimskog naselja Colentum - Murter
Crkva Gospe od Gradine u Murteru na Otoku Murter
Mozaik iz rimskog naselja Colentum - Murter
Stari majstor na brodogradilištu u Betini, Otok Murter
Tradicionalni brodovi sa latinskim jedrom - Otok Murter
Stara slika tradicionalnog broda i vožnje na vesla, Murter
Crkvica na otoku Piškera na Kornatima
Zavjetna kapelica na Otoku Murter